Due libri per scoprire il valore culturale dell’olio

Tendiamo a vedere l’olio extra vergine d’oliva solo e soltanto come un prodotto alimentare quotidiano. Indispensabile certo, ma elementare. 

Non è così: l’olio è molto più che l’ingrediente base della dieta mediterranea. 

Gran parte delle pratiche contadine e delle antiche tecniche di produzione utilizzate per secoli sono ormai andate in disuso e tenute in vita solo dalla memoria di pochi. Siamo talmente abituati a vedere l’olio sulle nostre tavole da esserci dimenticati delle sua storia millenaria

Per noi di Turri, l’olio è sì un alimento di tutti i giorni, ma è anche e soprattutto un prodotto culturale. Un bene storico. Per questo abbiamo deciso di pubblicare alcuni libri sull’argomento: per far sì che il suo patrimonio non vada perduto.

Con “Il castaldo e gli ulivi” vi accompagniamo dal mondo rurale tradizionale ai giorni nostri, attraverso un percorso che è poi la nostra stessa vita, come famiglia e impresa. Abbiamo scritto un libro sulla figura del castaldo, che ci tocca da vicino, la vita rurale di una corte e l’antichissima storia dell’olio. 

Olio ed olivi del Garda veronese” è invece un volume interamente dedicato alle vie dell’olio della nostra zona, dal Medioevo ai primi del Novecento. Il nostro olio è fortemente legato al territorio di provenienza: per questo ci sembrava giusto esplorare approfonditamente l’olivicoltura veronese. 

Crediamo che l’attività frantoiana italiana non possa guardare al futuro senza avere piena coscienza dell’importanza di ciò che è stato. E che solo studiando il passato si possa arrivare ad una consapevolezza del prodotto, del suo valore.

Torna su